Screening per la prevenzione dei tumori all’utero a Rapallo



Pat Test, mammografia e tampone vaginale, gli esami più importanti


Tutte le donne in età fertile devono sottoporsi a una visita ginecologica annuale per effettuare degli accertamenti di routine. Questi controlli non devono essere in alcun modo trascurati poiché è solo grazie ad essi che è possibile intervenire per prevenire il verificarsi di problemi ben più gravi in seguito. Tutte le donne che desiderano effettuare uno screening per la prevenzione dei tumori dell’utero a Rapallo, possono rivolgersi alla Dottoressa Ilaria Dellacasa, che in seguito alla prima visita di controllo, indicherà alle pazienti quali test eseguire e con quali modalità.


Pap Test

Il Pap Test è un esame citologico che permette di rilevare le alterazioni del collo dell’utero. È un test molto importante, che andrebbe eseguito regolarmente, ogni tre anni, da tutte le donne dopo l’inizio dell’attività sessuale, o comunque a partire dai 25 anni di età. Il Pap Test consiste nel prelievo, totalmente indolore, di una quantità di tessuto cellulare del collo dell’utero, che verrà in seguito analizzato al microscopio. In caso di alterazioni, sarà possibile intervenire immediatamente, evitando che queste, negli anni, possano degenerare in un tumore del collo dell’utero.


Tampone vaginale

Il Tampone Vaginale è un esame diagnostico finalizzato alla ricerca di batteri e microrganismi responsabili delle infezioni della vagina o della cervice uterina.

L’esame viene effettuato per mezzo di un sottile bastoncino cotonato che ha il compito di catturare un campione di secrezioni vaginali, che verrà in seguito analizzato in laboratorio. Il tampone vaginale va effettuato nei casi in cui gli ovuli e lavande vaginali non siano sufficienti a trattare un’infezione o un’infiammazione.


Mammografia

Per un ottimale screening per la prevenzione dei tumori dell’utero a Rapallo, non può mancare la mammografia. La Dottoressa Ilaria Dellacasa consiglia alle pazienti di sottoporsi all’esame con regolarità, durante la visita ginecologica annuale. Nel caso in cui lo si ritenga necessario, alla palpazione seguirà un’ecografia mammaria effettuata con un’apposita sonda che permette di indagare la presenza di lesioni a livello della ghiandola mammaria.


Per maggiori informazioni visitare la sezione Contatti.