tos-terapia-ormonale-sostitutiva-menopausa-modernità

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA: MODERNITA'

L'articolo di oggi è una sorta di "promemoria" aggiornato su quelle che sono le linee guida moderne sulla terapia ormonale sostitutiva (TOS).

L'articolo di oggi è una sorta di "promemoria" aggiornato su quelle che sono le linee guida moderne sulla terapia ormonale sostitutiva  (TOS). 

Perché ho pensato di affrontare questo argomento? Il motivo è questo: sul web si trovano notizie datate o non del tutto corrette, che sono tuttavia sempre prese in considerazione dalle pazienti che potrebbero avere reali miglioramenti dal suo uso! Le paure dei tumori, soprattutto il rischio di cancro al seno, correlate all’uso della TOS, sono documentate da uno studio risalente al 2001, uno studio che negli anni è stato ridiscusso e rivalutato da tutto, ma che ha portato al periodo di buio dell’uso degli ormoni in menopausa in molti paesi, anche se non in tutti.


Per fortuna la medicina, come tutte le altre scienze, da inizio nuovo millennio ad oggi, ha compiuto passi da gigante, anche su questo campo!!!! Basta pensare a cosa è cambiato in questo arco di tempo con la comunicazione! I cellulari sono diventati smartphone, sono spariti i tasti e adesso possiamo telefonare usando semplicemente la nostra voce come comando vocale! Ecco, molte evoluzioni le abbiamo avuto anche in ambito che stiamo affrontando oggi!

Anzi, mi pare del tutto assurdo che ad oggi ci si basi su nozioni del 2001, quando in questi anni sono usciti numerosi studi che dimostrano la validità e la sicurezza della terapia ormonale sostitutiva!

In realtà sì, esistono delle controindicazioni che limitano un po' la terapia ormonale sostitutiva. Ma sono davvero poche, tanto che non esiste un consenso informato da far firmare per prescriverla... mentre per qualsiasi esame anche minimamente invasivo si firma..e già questo dovrebbe far riflettere. 

Tra le controindicazioni all’uso della TOS troviamo un sanguinamento uterino anomalo non investigato durante la menopausa. Sono perdite di sangue, in una donna che non ha più le mestruazioni,che non sono state analizzate per riscontrarne le cause mediante una visita ginecologica.
Anche i carcinomi alla mammella e quello endometriale fanno parte delle controindicazioni; di quest'ultimo, a dire il vero, solo un tipo di tumore.
Troviamo anche l' Iperplasia endometriale che non è stata trattata : l’endometrio è il rivestimento interno dell'utero e il termine iperplasia significa che è inspessito. Questo in menopausa non deve succedere, in quando in questo periodo della vita della donna deve essere molto sottile.
Le altre controindicazioni alla TOS sono patologie coronariche o cerebrovascolari, come infarto, ictus, trombosi venose, embolia polmonare.
Anche i problemi al fegato cronici o in atto sono da considerare fino al ritorno della normalità dei test di funzionalità epatica.

Ad esempio, una donna che ha i valori delle transaminasi troppo elevati non potrà intraprendere una terapia ormonale sostitutiva! Quando i suoi valori rientreranno nella norma, allora potrà essere una buona candidata per iniziarla!

Anche la porfiria cutanea tarda e l' otosclerosi sono controindicazioni; così anche l' ipersensibilità nota al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti: per intenderci, l'allergia a un farmaco!
La controindicazione più importante è il rifiuto della donna informata alla terapia ormonale sostitutiva!

Quindi, la terapia ormonale sostitutiva dovrà essere prescritta in totale assenza delle controindicazioni qui sopra elencate! Che come avete visto sono davvero poche e si possono in gran parte scongiurare con una serie di controlli ginecologici. Tanto prima verrà iniziata la cura, maggiori saranno i benefici a lungo termine lasciati dalla stessa.

Le indicazioni della Società Italiana di Menopausa alla terapia ormonale sostitutiva sono un elenco delle sintomatologie che si possono accusare in sindrome menopausale.
Una di queste è la sindrome vasomotoria, ovvero le caldane. In molti casi possono risultare invalidanti.
Vi è anche la sindrome genitourinaria, i dolori muscolari migranti, le alterazioni del tono dell'umore, le disfunzioni sessuali. Rientrano tra le indicazioni le donne affette da osteoporosi e delle fratture correlate!
La terapia ormonale sostitutiva può essere utile per prevenire l' atrofia, ovvero il rovinarsi della pelle, dei tessuti connettivi e dei dischi vertebrali.

Ora che abbiamo fatto un po' di chiarezza, la prossima volta possiamo parlare delle varie tipologie di cure che possono essere intraprese!

Dubbi e domande vi assalgono?
Io vi aspetto qui per rispondervi!
Buona giornata!
Ilaria

0 0
Feed