spirale domande di una lettrice

SPIRALE: I DUBBI DI UNA LETTRICE

Oggi ritorno a parlare di spirale perché una paziente che ha letto il mio articolo mi ha sottoposto, in questi giorni, alcune domande molto interessanti!

Poiché le risposte, che voglio fornirle, possono essere utili a tutte voi, ho deciso di rendervi partecipi, dato che ha riscontrato anche una scarsa informazione su internet a tal proposito!

Oggi ritorno a parlare di spirale perché una paziente che ha letto il mio articolo mi ha sottoposto, in questi giorni, alcune domande molto interessanti!

Poiché le risposte, che voglio fornirle, possono essere utili a tutte voi, ho deciso di rendervi partecipi, dato che ha riscontrato anche una scarsa informazione su internet a tal proposito! 


Partiamo con la prima domanda, dove la paziente chiede se con il nuovo tipo di spirale al rame di cui ho parlato nell’articolo è più difficile il rischio di gravidanza indesiderata, dato che è più difficile che si sposti.

Ebbene sì, è così! Con la nuova tipologia al rame, definita IUB (Intra Uterine Balls), arrivata in Italia da poco ma presente in altri paesi, come la vicina Svizzera, già da un po’, è fatta in modo diverso rispetto alle vecchie (ma sempre attuali) spirali al rame. Queste ultime sono a forma di T, mentre la nuova tipologia assomiglia a una molla: ciò presuppone che lei si adatti alle contrazioni dell'utero, invece che essere spinta verso il basso.

Nella seconda domanda la paziente domanda se la spirale medicata al progesterone, essendo appunto “ormonale”, possa portare agli stessi effetti collaterali che possono manifestarsi con la pillola. Quindi se può insorgere, in particolare, scarso desiderio sessuale e una razionalità totale, particolarmente riscontrati dalla paziente stessa con varie pillole.

Le rispondo tranquillamente di no. La spirale ha un'azione solamente locale, a livello del rivestimento dell'utero; la pillola, invece, come abbiamo visto la settimana scorsa, mette a riposo le ovaie. Con la spirale quindi, ed è questo l’aspetto sostanziale, gli ormoni, invece di essere assunti con la pillola , sono rilasciati dalle ovaie. La differenza "ormonale" è che quelli prodotti dalle ovaie hanno delle fluttuazioni, quindi dei sali scendi, che si ripercuotono sul nostro umore/desiderio/muco cervicale/acne, mentre quelli della pillola sono rilasciati in maniera costante, ogni volta che mettiamo in bocca una pillola, per cui sono piuttosto stabili!

Con la spirale medicata l'azione degli ormoni è solo sul rivestimento interno dell'utero, ovvero sulla mestruazione: questo viene reso sottile sottile e di fatto la paziente può anche non mestruare, ma di bello c’è che le sue ovaie, invece, continuano a lavorare!!! Contraccezione sicura e ormoni liberi : per la nostra paziente e per molte altre sarà un qualcosa di positivo. Un po' meno per altre che soffrono della sindrome premestruale, che si presenterà puntualmente con i suoi effetti indesiderati, o nel caso di acne molesta, che non subirà alcuna influenza!!

Come ultima domanda mi ha chiesto come mai i ginecologi tendono a non consigliare molto la spirale e ne parlano poco.

A questo quesito non posso che esortare le pazienti a chiedere con più decisione ai propri ginecologi di fiducia. Proporre un metodo contraccettivo alternativo alla pillola richiede un impegno maggiore a livello di tempo, contenuti e mentale da parte dello specialista. Una sollecitazione al parlarne può essere sicuramente una cosa positiva!

Ringrazio la paziente per queste domande importanti! E spero di aver tolto molti dubbi anche ad altre pazienti e lettrici! 

Per i vostri dubbi continuate a contattarmi come fate sempre! Sono ben felice di dissiparli e informarvi! Potete farlo via mail ilydellacasa@yahoo.it oppure via social Facebook e Instagram!


Ilaria!

0 0
Feed