gravidanza non arriva: centri infertilità

LA GRAVIDANZA NON ARRIVA: COSA FARE

Proseguiamo il nostro viaggio prenatale, parlando oggi del ruolo del futuro papà e dei centri di infertilità.

Sono molte le coppie che, dopo un lungo periodo di tentativi mirati, non riescono a realizzare il desiderio di avere un figlio. Quindi si rivolgono a specialisti per avere delle diagnosi dettagliate ed, eventualmente, risolvere alcuni problemi che ostacolano la fecondazione.

Proseguiamo il nostro viaggio prenatale, parlando oggi del ruolo del futuro papà e dei centri di infertilità.

Sono molte le coppie che, dopo un lungo periodo di tentativi mirati, non riescono a realizzare il desiderio di avere un figlio. Quindi si rivolgono a specialisti per avere delle diagnosi dettagliate ed, eventualmente, risolvere alcuni problemi che ostacolano la fecondazione.

Iniziamo col dire che il ruolo del futuro papà è fondamentale per prepararsi all'arrivo di una gravidanza.

E' bene, quindi, che anche lui si prepari al meglio.
Nel caso in cui abbia avuto dei traumi alle zone genitali o se ha un noto varicocele, è il caso di effettuare una visita di controllo da un urologo e uno spermiogramma. Quest'ultimo non è altro dell'analisi del liquido seminale, effettuato con qualche accorgimento.
Questi due controlli sono indicati anche nel caso in cui si abbia nei progetti una gravidanza e si voglia, sin da subito, avere ben chiaro il proprio quadro della situazione… In modo da "non perdere troppo tempo".

Inoltre, come detto nello scorso articolo, il tempo che indicativamente serve per riuscire a iniziare una gravidanza varia dai sei mesi all'anno. In questo arco di tempo non è strettamente necessario recarsi presso un centro specializzato per valutare la possibile infertilità.

C'è da tenere in conto anche la variante età per la donna: il suo picco massimo di fertilità è intorno ai 25 anni, dopodiché inizierà ad abbassarsi...arrivando ad esaurirsi! Fino ai 43 anni di età si può accedere ai centri di fertilità ospedalieri. E' importante quindi non sottovalutare questo fattore.

Diciamo che, il periodo migliore per una donna per decidere di avere una gravidanza è sotto i 30 anni. Sopra questa età e mano a mano che si si avvicina ai 35/40 anni, le possibilità tendono a ridursi.

Da parte della mamma, un esame indicato per valutare la riserva ovarica, ovvero quante ovette da fecondare abbiamo ancora a disposizione, è, in associazione alla visita ginecologica con ecografia, l'ormone antimulleriano. Si tratta di un semplicissimo prelievo di sangue, che si può eseguire in qualsiasi fase del ciclo: ci dà l'idea di quella che è la nostra riserva ovarica. Ci aiuta a capire se è il caso di avvalersi del canonico lasso di tempo di 6/12 mesi, oppure se ricorrere subito all'assistenza dei centri specialisti.

I centri di infertilità pubblici sono molti sul territorio ligure e limitrofo, e il vostro medico ginecologo vi aiuterà a trovare quello più opportuno alle esigenze della singola coppia!

Per qualsiasi domanda al riguardo, oppure se avete bisogno di un consulto a tal proposito, potete contattarmi tranquillamente via mail cliccando QUI.

Alla prossima settimana!
Ilaria

0 0
Feed