diventare mamma strumenti per capire ovulazione

​VOGLIO DIVENTARE MAMMA: SCORCIATOIE NATURALI

Anche oggi parliamo di gravidanza. La scorsa settimana abbiamo parlato di cosa fare per prepararci ad accogliere una nuova vita nel nostro corpo. Oggi, invece, vediamo quali strumenti possano venirci in aiuto per aumentare le possibilità di rimanere incinta.

Anche oggi parliamo di gravidanza. La scorsa settimana abbiamo parlato di cosa fare per prepararci ad accogliere una nuova vita nel nostro corpo. Oggi, invece, vediamo quali strumenti possano venirci in aiuto per aumentare le possibilità di rimanere incinta.


Come detto durante la puntata del programma su Telenord Salute & Sanità, abbiamo a disposizione , solitamente, una possibilità al mese di far sì che l'ovocita, prodotto con le nostre ovaie, vada ad incontrarsi con lo spermatozoo. Infatti ogni mese abbiamo una sola ovulazione, ovvero una sola volta al mese produrremo un ovetto, la nostra mezza cellula, che diventerà una cellula completa solo quando si incontrerà con lo spermatozoo, la mezza cellula arrivata dal futuro papà, e da lì,moltiplicandosi miliardi di volte e rotolando dalla tuba alla cavità uterina, darà inizio ad una nuova vita.
In sostanza, se vogliamo un bambino abbiamo bisogno di un rapporto mirato e "al momento giusto", quello in cui avviene l'ovulazione!

Ci sono alcune donne molto,molto attente al proprio corpo, che percepiscono quasi il momento esatto in cui il nostro ovaio libera quel prezioso ovetto..ma la maggior parte di noi non se ne rende conto, se non da alcuni segni indiretti, come il cambio di umore,appetito, brufoli o desiderio sessuale.

Oltre a tenere conto quindi della regolarità del nostro ciclo, possiamo servirci,ad esempio, di un altro strumento: la misurazione della temperatura basale. La temperatura del nostro corpo misurata a livello orale, vaginale o rettale, aumenta di pochissimo, ma aumenta, in corso di ovulazione, per stabilizzarsi intorno ai 37^ centigradi fino all’arrivo del ciclo, per cui dopo aver settato, con appositi computerini e termometri specifici, la nostra temperatura, potremmo capire in che giorni abbiamo il picco e quindi l’ovulazione.
Vi sono poi i test di ovulazione urinari, con i quali si dosano i livelli due ormoni presenti nelle urine, per avere indicati i giorni verdi-fertili. O ancora il metodo Billings, ossia l’osservazione del muco cervicale, per il quale è richiesta disciplina e metodo, poiché si deve vedere come il muco cervicale diventi a “chiara d’uovo” durante il periodo fertile!!! Si tratta di aiuti, che devono tuttavia aumentare la serenità nella ricerca di un figlio, e non aumentare le ansie..per cui di solito io li consiglio solo se passa più tempo del dovuto rispetto alle tempistiche standard: solitamente a concepire un figlio ci si impiegano dai sei ai dodici mesi. 


Se ci si protrae oltre allora si può pensare di utilizzare questi supporti per avere più chiaro il "quadro della situazione"..o recarsi in un centro di infertilità per eseguire gli accertamenti..nella consapevolezza che uno dei criteri per esservi accettati è proprio quello che siano trascorsi almeno 12 mesi!!
Chi ha un ciclo regolare è a conoscenza del fatto che su un ciclo di 28 giorni, l'ovulazione sarà, più o meno, intorno al quattordicesimo giorno, ovvero a metà ciclo! Siccome la certezza assoluta non si ha, si considera periodo fertile quello che va cinque giorni prima e dopo al giorno indicativo di ovulazione. In questi dieci giorni è consigliabile avere dei rapporti mirati e, ovviamente, non protetti per raggiungere l'obiettivo gravidanza! Si consigliano giorni alterni o ogni 48 ore per dare il tempo anche agli spermatozoi di prepararsi al lungo percorso che devono intraprendere ed essere adeguatamente “maturi”!


Prossima settimana rimaniamo ancora in tema pre natale e gravidanza parlando di infertilità.

Buona giornata
Ilaria

0 0
Feed